Tanto bastano 5 minuti per fare un post, no?!?

Bastano 5 minutiMa che ci vuole?!?

“Vabbè, ma che ce vò a fa ‘n post?” Hai già sentito questa frase? (magari in un altro dialetto) O magari sei proprio tu che l’hai detta a qualche tuo collaboratore o fornitore?

A noi capita spesso di sentire affermazioni di questo tipo, e qualcuno più “indispettito” di noi ha redatto il decalogo che puoi vedere qui a destra.

Si ha spesso la sensazione che i clienti pensino che con un computer si possa fare tutto in un batter d’occhio. Il computer è solo uno strumento, e come abbiamo scritto molto tempo fa in un articolo apposito, lo strumento non è la panacea di tutti i mali. Lo strumento è solo un mezzo, ma a monte servono analisi, progettazione, ideazione, sviluppo, controlli, e tante altre azioni.

Proviamo allora a fare qualche valutazione su questo aspetto.

Vuoi sapere quanto ci vuole veramente?

Ok, proviamo a vedere insieme “che ce vò”.

Prendiamo come esempio un post da pubblicare sulla tua pagina Facebook oppure Instagram. Ma il discorso si può allargare a qualsiasi operazione legata alla redazione e pubblicazione di contenuti.

Per ogni post destinato ad una risorsa web di una qualsiasi realtà (azienda, ente, ecc.), che si tratti di una pagina social oppure di un blog aziendale,  è necessario:

  • Analizzare l’argomento che si vuole trattare andando ad individuare gli intenti di ricerca delle persone;
  • Definire il target di riferimento che il nostro contenuto vuole raggiungere;
  • Definire come dovrà essere sviluppato il contenuto, tenendo conto sia della piattaforma su cui verrà pubblicato (social, sito web, ecc..), sia del target che è stato definito (che spesso determina anche su quale mezzo il contenuto dovrà essere pubblicato);
  • Confezionare il post avendo bene in mente le regole e i limiti della singola piattaforma.
    L’attività di confezionamento può comprendere: la realizzazione del testo, l’ottimizzare delle immagini o i video eventualmente presenti, la definizione di tutti quegli elementi utili a rendere il post ricco e utile per le persone che fanno parte del target;
  • Impostare e programmare l’eventuale campagna di sponsorizzazione;
  • Monitorare i risultati via via ottenuti, andando a modificare gli eventuali errori o punti deboli;
  • Analizzare i risultati finali, prestando particolare attenzione a quelli funzionali al raggiungimento dell’obiettivo (ottenere click sul link, like, commenti, condivisioni, etc.);

Strategia di comunicazione

Questa sequenza di operazioni va fatta per ogni singolo post che si vuole pubblicare, e deve esistere all’interno di un ampio progetto di comunicazione, ovvero sia:

  • Definizione dell’obiettivo (o gli obiettivi) della comunicazione via social o via blog;
  • Analisi della situazione di partenza in cui versano le risorse social che verranno coinvolte, con annessa aggiunta o modifica degli elementi mancanti o errati
  • Strutturazione di una strategia di comunicazione finalizzata al raggiungimento degli obiettivi precedentemente stabiliti

Conclusioni

Tutto questo, in estrema sintesi, è il motivo per cui alla domanda: “Vabbè, ma che ce vò a fa ‘n post?” sarebbe estremamente sbagliato rispondere: “5 minuti”. Perché come abbiamo già detto altre volte, “internet non è tecnologia, internet è comunicazione”, pertanto qualsiasi attività che non rientra in un piano di comunicazione è destinata a produrre effetti nulli o quasi, e di certo non quelli attesi.

 

Sei interessato a scoprire di più? Puoi contattarci per approfondire come possiamo aiutarti a sviluppare la tua campagna di comunicazione.